Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

riconoscimento debiti fuori bilancio in esercizio provvisorio

Andare in basso

riconoscimento debiti fuori bilancio in esercizio provvisorio

Messaggio  CELINE77 il Ven 26 Set 2014 - 2:13

Salve, secondo voi è possibile procedere al riconoscimento di debiti fuori bilancio durante l'esercizio provvisorio (tenendo in considerazione i limiti dei dodicesimi) o occorre attendere l'approvazione del bilancio di previsione? grazie

CELINE77

Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 04.04.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

re

Messaggio  Paolo Gros il Ven 26 Set 2014 - 2:38

possibile se esiste copertura finanziaria
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Visualizza il profilo http://paologros.oneminutesite.it/

Torna in alto Andare in basso

RICONOSCIMENTO DEBITI FUORI BILANCIO IN ESERCIZIO PROVVISORIO

Messaggio  LU il Gio 8 Gen 2015 - 12:57

In merito all'argomento riporto, nello spazio sottostante, il parere n. 78/2014 della Corte dei Conti sezione  Regione Sicilia .

Da quanto apprendo, la suddetta sezione ritiene che per l'Ente non è possibile riconoscere debiti fuori bilancio nel corso dell'esercizio provvisorio e che  la stessa delibera potrà essere adottata solo in sede di approvazione del bilancio di previsione o di salvaguardia degli equilibri di bilancio ex art. 193 comma 2° del TUEL,  ferma restando la possibilità di disporre a livello regolamentare che si possa provvedere in ogni fase dell'esercizio, secondo il dettato del comma 1° dell'art. 194 del TUEL.  

Non sono d'accordo che un Ente, pur in presenza di disponibilità finanziaria ma non di una disposizione regolamentare, non possa riconescere dei debiti fuori bilancio nel corso dell'esercizio provvisorio.



Deliberazione n.78/2014/PAR
REPUBBLICA ITALIANA
La Corte dei conti
Sezione di controllo per la Regione siciliana
nella camera di consiglio dell’adunanza generale del 6 maggio 2014;
visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. n. 1214 del 12 luglio 1934,
e successive modificazioni ed integrazioni;
visto l’art. 23 del R. D. Lgs. 15 maggio 1946, n.455 (Approvazione dello Statuto della
Regione siciliana);
visto il D. Lgs. 6 maggio 1948, n. 655 (Istituzione di Sezioni della Corte dei conti per la
Regione siciliana);
vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 (Disposizioni in materia di controllo e giurisdizione
della Corte dei conti);
visto il D. Lgs. 18 giugno 1999, n. 200 (Norme di attuazione dello Statuto speciale della
Regione siciliana, recante integrazioni e modifiche al D. Lgs. n. 655 del 1948);
vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda
della Costituzione);
vista la legge 5 giugno 2003, n. 131 (Disposizioni per l’adeguamento dell’ordinamento della
Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3), in particolare l’art.7, comma 8;
vista la deliberazione n. 32/2013/SS.RR./PAR, in data 30 settembre 2013 delle, Sezioni
riunite per la Regione siciliana in sede consultiva;
vista la deliberazione n. 354/2013/PAR, in data 14 novembre 2013, della Sezione di
controllo per la Regione siciliana;
vista la richiesta di parere inoltrata dal Comune di Delia (CL) con nota di prot. n. 2871 del
31 marzo 2014 (prot. cc n. 3218 del 7.4.2014);
vista l’ordinanza n. 55/2014/CONTR., con la quale il Presidente della Sezione di controllo ha
convocato la Sezione in adunanza generale per l’odierna camera di consiglio;
udito il relatore, il dott. Giuseppe di Pietro,
ha emesso la seguente
2
DELIBERAZIONE
Il Sindaco del Comune di Delia ha chiesto a questa Sezione se i debiti fuori bilancio, di cui
al comma 1° lett. e) dell’art. 194 del D. Lgs. n. 267 del 2000, emersi nel corso dell’esercizio
provvisorio e di ammontare superiore alle somme disponibili, possano essere oggetto di un
riconoscimento meramente formale al fine di evitare atti esecutivi da parte dei creditori; in tal
caso, la liquidazione e l’individuazione della copertura finanziaria avverrebbero dopo
l’approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio in corso, unitamente ad un eventuale
piano di rateizzo triennale da concordare con i creditori.
La richiesta è ammissibile sotto il profilo soggettivo, giacché proviene dal Sindaco, legale
rappresentante dell’Ente ai sensi dell’art. 50 del T.U.E.L.
Sotto il profilo oggettivo, occorre verificare se la richiesta rientri nell’ambito delle funzioni
attribuite alla Corte dei conti dall’art. 7, comma 8°, della legge n. 131 del 5 giugno 2003, a
norma del quale le regioni, le province e i comuni possono chiedere dei pareri in materia di
contabilità pubblica, nonché ulteriori forme di collaborazione ai fini della regolare gestione
finanziaria, dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione amministrativa.
In proposito, le diverse Sezione regionali della Corte dei conti hanno precisato, in più
occasioni, che la funzione ex art. 7, comma 8°, della legge n. 131 del 2003 si connota come
una facoltà conferita agli amministratori di regioni, province e comuni di avvalersi di un organo
neutrale e professionalmente qualificato per acquisire elementi necessari ad assicurare la
legalità dell’attività amministrativa.
I pareri e le altre forme di collaborazione si inseriscono nei procedimenti amministrativi
degli enti territoriali, al fine di consentire scelte adeguate e ponderate nello svolgimento dei
poteri che appartengono agli amministratori pubblici, restando peraltro esclusa qualsiasi forma
di cogestione o coamministrazione con l’organo di controllo esterno (ex plurimis, in questo
senso, v. parere sez. Lombardia, n. 36 dell’11 febbraio 2009).
I pareri attengono infatti a profili di carattere generale nella materia della contabilità
pubblica e non possono riguardare singoli atti o fatti concreti di gestione (ex multis, Sezioni
riunite per la Regione siciliana in sede consultiva, delib. n. 1/2010/SS.RR./Par.), né interferire
con le competenze degli altri organi giurisdizionali (da ultimo, Sez. Riunite per la Reg. sic., par.
n. 6/2011).
L’oggetto della richiesta, infine, deve riguardare unicamente la materia della contabilità
pubblica, ovverosia il “sistema di principi e di norme che regolano l’attività finanziaria e
patrimoniale dello Stato e degli enti pubblici”, da intendersi in senso dinamico ed anche in
relazione alle materie che incidono sulla gestione del bilancio e sui suoi equilibri (Sezioni
Riunite della Corte dei conti, delib. n. 54 del 17 novembre 2010).
Nel caso in esame, la richiesta presenta profili di carattere generale, non interferisce con le
competenze degli altri organi giurisdizionali e rientra nella materia della contabilità pubblica,
3
giacché attiene al contenimento e all’equilibrio della spesa pubblica, in relazione alle norme che
disciplinano i presupposti e le procedure per il riconoscimento dei debiti fuori bilancio.
Nel merito, il Comune di Delia ha chiesto di sapere se i debiti fuori bilancio, derivanti da
acquisizioni di beni e servizi effettuate in violazione degli obblighi di cui ai commi 1°, 2° e 3°
dell'art. 191, possano essere riconosciuti: 1) solo formalmente e senza impegno di spesa; 2)
durante l’esercizio provvisorio di bilancio ex art. 163 del TUEL, pur essendo di ammontare
superiore ai dodicesimi a disposizione calcolati sullo stanziamento dell’ultimo bilancio
approvato.
Com’è noto, i debiti fuori bilancio rappresentano obbligazioni pecuniarie imputabili all’ente e
maturate al di fuori del sistema del bilancio, in quanto si riferiscono ad uscite per le quali
manca un’originaria previsione di spesa, ovvero a spese effettuate in violazione delle procedure
stabilite dalle norme di contabilità. In virtù della deliberazione consiliare, il debito fuori bilancio
viene ricondotto all’interno del sistema e, conseguentemente, si rende possibile procedere al
pagamento.
La deliberazione consiliare non ha solo la funzione di riconoscere la legittimità di
un’obbligazione e, nei casi di cui alla lett. e) dell’art. 194 del TUEL, di valutare l’utilità e
l’arricchimento dell’ente, ma anche una funzione giuscontabilistica e una garantista; la prima
consiste nella salvaguardia degli equilibri di bilancio e si esplica attraverso il reperimento delle
risorse necessarie a finanziare il debito, la seconda si sostanzia nell’individuazione del
responsabile.
La funzione giuscontabilistica è strettamente connessa alla “funzione autorizzatoria cui
assolve il bilancio di previsione” degli enti locali, che “possono effettuare le sole spese
autorizzate dal Consiglio Comunale”; questo perché l’organo consiliare, “attraverso
l’approvazione del bilancio annuale e pluriennale, esercita le sue prerogative di organo di
indirizzo dell’attività politico-amministrativa dell’Ente” (così Sezione Campania, delib. n.
213/2013/PAR.).
La deliberazione consiliare, proprio perché finalizzata a preservare l’equilibrio economico –
finanziario dell’ente, deve individuare una “regolare copertura finanziaria negli stanziamenti di
bilancio, presupposto ineliminabile dell’attivazione del procedimento di spesa nel sistema”
(Sezione Campania, delib. cit.).
Ne consegue che non è possibile ammettere “un riconoscimento solo “formale” del debito
da parte del Consiglio comunale, con rinvio del pagamento” alla “successiva approvazione del
bilancio”, nemmeno se “al solo fine di impedire il maturare di interessi, rivalutazione monetaria
e ulteriori spese legali” (ibidem).
Sotto il profilo temporale, non è possibile procedere al riconoscimento dei debiti fuori
bilancio nel corso dell’esercizio provvisorio, per un duplice ordine di ragioni.
In primo luogo, la delibera di riconoscimento può essere adottata solo in occasione di
precise scansioni temporali, in particolare in sede di approvazione del bilancio di previsione,
ovvero in occasione della delibera di salvaguardia degli equilibri di bilancio ex art. 193 comma
4
2° del TUEL, ferma restando la possibilità di disporre a livello regolamentare che si possa
provvedere in ogni fase dell'esercizio, secondo il dettato del comma 1° dell’art. 194 del TUEL.
Si tratta, non a caso, dei momenti in cui gli equilibri di bilancio vengono valutati in maniera
approfondita e complessiva. In quest’ottica, ipotizzare che si possa provvedere proprio durante
la “vacanza” del bilancio, costituirebbe un’inammissibile aporia logica.
In secondo luogo, il principio di tipicità e tassatività delle spese consentite nel corso
dell’esercizio provvisorio esclude che si possa procedere all’adempimento di obbligazioni che
non rientrano nei casi contemplati e, ancor più, di quelli di carattere eccezionale come i debiti
fuori bilancio; a fortiori, non è ammissibile che si possano prendere in considerazione spese di
ammontare superiore ai dodicesimi a disposizione, calcolati sullo stanziamento dell’ultimo
bilancio approvato.
P.Q.M.
Nelle suesposte considerazioni è il parere della Sezione di controllo per la Regione
siciliana in sede consultiva.
Copia della presente deliberazione sarà inviata, a cura della Segreteria, all’Amministrazione
richiedente, nonché all’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione pubblica
– Dipartimento delle Autonomie locali.
Così deliberato in Palermo, nella camera di consiglio del 6 maggio 2014.
Il Relatore Il Presidente
(Giuseppe di Pietro) (Maurizio Graffeo)
Depositato in Segreteria il 5 GIUGNO 2014
IL FUNZIONARIO RESPONSABILE
(Fabio Guiducci)

LU

Messaggi : 97
Data d'iscrizione : 06.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: riconoscimento debiti fuori bilancio in esercizio provvisorio

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum