Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
notifica consiglio comunale EmptyVen 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
notifica consiglio comunale EmptyVen 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
notifica consiglio comunale EmptyGio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
notifica consiglio comunale EmptyGio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
notifica consiglio comunale EmptyMer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
notifica consiglio comunale EmptyMer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
notifica consiglio comunale EmptyLun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
notifica consiglio comunale EmptyLun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
notifica consiglio comunale EmptyLun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
notifica consiglio comunale EmptyLun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
notifica consiglio comunale EmptyVen 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
notifica consiglio comunale EmptyVen 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
notifica consiglio comunale EmptyVen 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
notifica consiglio comunale EmptyVen 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
notifica consiglio comunale EmptyGio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

notifica consiglio comunale

Andare in basso

notifica consiglio comunale Empty notifica consiglio comunale

Messaggio  Stef11 il Gio 22 Dic 2011 - 1:35

Nel caso in cui un consigliere comunale, residente presso questo Comune, ma domiciliato altrove, "vieta" espressamente ai propri familiari di ricevere, tramite messo notificatore, l'ordine del giorno del Consiglio Comunale, come ci si deve comportare?
E' legittima la richiesta dello stesso nella quale comunica espressamente che "tutti gli atti amministrativi di qualsiasi genere, vengano recapitati presso il proprio indirizzo di residenza tramite raccomandata postale"?
Grazie

Stef11

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.08.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

notifica consiglio comunale Empty Avviso convocazione consiglio

Messaggio  Paolo Gros il Gio 22 Dic 2011 - 1:37

è opportuno evidenziare che, salvo che l’Ente abbia autonomamente disciplinato, con proprio regolamento, le modalità per la redazione e consegna dell’avviso di convocazione del consiglio, è noto che fino all’approvazione di detto strumento, valgono le regole dettate dagli articoli 125, 127 e 289 T.U. 4.2.1915 n. 148 (v. art. 273, c. 6 TUEL 267/2000). Dette regole prevedono che l’avviso di convocazione redatto normalmente nelle forme del decreto, della determinazione o dell’ordinanza, sia emesso dal Presidente del Consiglio o dal Sindaco. Le note disposizioni impongono che l’avviso sia consegnato, a seconda dei casi e sempre in assenza di specifica e diversa disposizione regolamentare, cinque/ tre giorni liberi o ventiquattrore prima del giorno fissato per la celebrazione del consiglio stesso. Si è anche precisato che l’avviso medesimo pur essendo notificato, non è completamente soggetto alle particolari regole previste per la notificazione degli atti giudiziari (TAR Abruzzo, L’Aquila, 15.7.1994 n.499-giurisprudenza costante). Da ciò si può desumere, pertanto, che l’autonomia statutaria del Consiglio e la potestà regolamentare ha piena facoltà di determinare le modalità più idonee per la notifica degli avvisi di convocazione del Consiglio stesso. Qualora non siano state rispettate le disposizioni relative alla formale procedura di notifica degli avvisi di convocazione, ben opportunamente i soggetti interessati, tanto se appartenenti ai gruppi di maggioranza quanto se rappresentanti della minoranza, potranno far valere nelle sedi opportune l’illegittima convocazione del Collegio. In tal caso, valutando astrattamente la questione, sarà necessario individuare le cause che hanno determinato la violazione al fine dell’imputazione della responsabilità e, se possibile, sanarle con una nuova convocazione, sempre che non siano derivati ulteriori danni.
Il Presidente del Consiglio, nell’eventualità rilevi elementi ostativi al regolare funzionamento delle sedute consiliari (p.e. per difetto di notifica degli avvisi) potrà procedere in via di autotutela all’annullamento di un avviso di convocazione purché sussistano le seguenti elementari condizioni:
· deve trattarsi di un vizio di legittimità sostanziale dell’avviso (non osservanza dei termini, sottoscrizione apocrifa, ecc..) che, non tempestivamente emendato, inficerebbe irreversibilmente le deliberazioni adottate;
· l’atto di annullamento deve essere congruamente motivato;
· la notifica ai consiglieri, se non disciplinata nel regolamento, è opportuno che avvenga con congruo anticipo rispetto alla data fissata e ciò non solo in riferimento al 4° comma dell’art. 125 Rd 148/1915 ma anche in ossequio al generale principio di correttezza dell’azione amministrativa;
· l’annullamento in via di autotutela della convocazione del consiglio comunale, dato il suo carattere di eccezionalità, deve, in ogni caso, tenere in debita considerazione il diritto di ciascun consigliere a veder celebrato il consiglio stesso.
Con lo strumento regolamentare possono essere risolti in house tutti i dubbi interpretativi che da sempre nella prassi caratterizzano il momento convocativo, quali l’obbligatorietà o meno dell’elezione del domicilio da parte dei consiglieri, la computabilità o meno del dies a quo e del dies ad quem (giorno dell’emanazione dell’avviso di convocazione e giorno in cui è stabilita la seduta), la facoltà del presidente di procedere alla revoca od all’annullamento della convocazione.
Infine, per quanto concerne il problema relativo alla categoria professionale deputata allo svolgimento di funzioni di messo comunale, trattandosi di un delicato compito (quello della notifica) richiedente particolari conoscenze e competenze, sarebbe auspicabile che gli enti locali scelgano personale adeguatamente formato, non esistendo allo stato attuale una normativa che stabilisca la qualifica che deve ricoprire chi esercita il compito di messo comunale.
Paolo Gros
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Visualizza il profilo http://paologros.oneminutesite.it/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum